Programma 1 aprile

NB: Per andare subito agli orari della giornata scorri giu’. 

INTRO: VERITY E  IL LARP (Live Action Role-Playing) 

Missing

Qualcosa di strano e’ successo. Tutti i drammaturghi che dovevano venire al Festival hanno .. paccato. Con le scuse piu’  assurde.  Le locations pure.  Il mistero s’infittisce.

Poi è arrivata lei: Verity. Verity  e’ una ragazza delle superiori di Milano, che  ha partecipato al Teens 2015  e sta – stava, sarebbe meglio dire –  facendo un percorso di alternanza scuola – lavoro presso L’Economist a Londra quando, ad un certo punto,   è scomparsa. La situazione stava prendendo toni da prima pagina, quando ad un certo punto, dal nulla, Verity ha cominciato a scriverci, dicendo cose strane. Decisamente strane. Tipo che è tornata indietro nel tempo. Lasciamo parlare i fatti: ecco la conversazione avuta con lei di recente:

Screenshot_2017-02-26-12-21-47

Screenshot_2017-02-26-12-21-38

Screenshot_2017-02-26-12-19-51

Ora sapete come stanno le cose. Ma , folli come siamo, abbiamo deciso di credere a Verity. Per questo abbiamo fissato la data del Festival il 1 aprile con ritrovo per le scuole  vicino al Parco Sempione, dove, superando delle prove (una sorta di caccia al tesoro) dovranno trovare  i drammaturghi elisabettiani (questi ultimi  diranno che stanno facendo un progetto di alternanza scuola-lavoro con il nostro Festival, ovviamente è solo una copertura).

Da quando abbiamo avuto quel famoso wazzup con Verity lo scenario qui nel presente si è persino aggravato e anche le location che dovevano ospitare il Festival hanno cominciato a campare scuse. Anche qui, lasciamo parlare i fatti: ecco la registrazione audio di una delle ultime location che abbiamo sentito:

ASCOLTA: AUDIO TELEFONATA TEATRO

Ecco, ora sapete tutto. Incredibile, Verity dunque ha davvero  ragione: qualcosa è successo nel passato che ha sconvolto gli equilibri del presente.

Non ci siamo buttati giu’ pero’  e abbiamo chiesto agli intrepidi abitanti e commercianti del quartiere di Paolo Sarpi (che abbraccia la Fabbrica del Vapore, la principale venue del Festival) di ospitare  in gran segreto le presentazioni di questi testi.

Le  scuole partecipanti al Teens dunque, dopo la videoconferenza avranno modo di lavorare in uno spazio dedicato in Fabbrica  sulle scene che questi drammaturghi loro coetanei stanno scrivendo, per presentarle poi  in una piccola performance segreta verso le ore  16.30  in una location nascosta.  Insieme al loro aiuto, a quello dei loro coetanei del passato e ai coraggiosi amici del quartiere di Paolo Sarpi manterremo in vita  la nuova scrittura (dialogata!)  nonostante la repressione,  in attesa che Verity ci aggiorni e ci guidi su cosa fare per riaggiustare il passato!


Programma della giornata:

Mappa FestivalL’appuntamento per tutte le scuole sarà alle ore 10 di sabato 1 aprile  alla fontana che c’è all’entrata del Castello  Sforzesco in Piazza Castello a Milano (dove arrivano tutti i pullman – metro Cairolia due passi). Lì, al Parco Sempione,  risolvendo degli enigmi connessi col passato e con la storia,  le scuole arriveranno a capire dove Verity  ha fatto  trasferire nel tempo i drammaturghi loro coetanei di cui presenteranno nel pomeriggio il testo.

Una volta che le scuole si  saranno  incontrate con i drammaturghi loro coetanei si recheranno recheremo insieme alla Fabbrica del Vapore,  dove alle 11.30 inizierà  nella sala principale la videoconferenza con l’autrice del Teens (Sarah Page o Daisy Campbell), sul cui testo stanno lavorando in vista del saggio di fine anno (consiglio alle scuole:  preparatevi una domanda per gruppo  da fare all’autrice! Per evitare qualsiasi possibile fraintendimento, ricordiamo anche  che il 1 aprile NON si metteranno in scena i testi  The Night My Parents e School Journey to the Centre of the earth)

Il programma continuerà poi nella maniera seguente (orari suscettibili di leggere variazioni):

Ore 12.30

pausa con foto delle scuole partecipanti al Festival

Ore 13.00

pranzo per le scuole  tutti insieme in Fabbrica del Vapore, dove verranno anche consegnati gli attestati di partecipazione  (il pranzo è al sacco: le scuole potranno  portare i panini o abbiamo anche  un ristorante disponibile a portarceli, raccoglieremo a breve le prenotazioni)

Ore 14.00:

4821ca56-f878-447d-ae08-81c09043086dle scuole avranno circa un’ora e mezza di tempo per provare  il breve  testo del drammaturgo loro coetaneo: il testo (6 pagine dialogate massimo, piu’ una trama) cercheremo di inviarlo prima del Festival: l’idea però  è però di simulare la pratica di  “testaro” un  nuovo testo: una lettura a leggio, provata in un tempo ridotto,  unita ad una improvvisazione per valorizzare i gruppi numerosi delle scuole. Sarà un momento importante per il drammaturgo  vedere che degli attori suoi coetanei stanno lavorando su un testo che ha scritto, si potranno scambiare idee, chiarimenti , fargli vedere l’improvvisazione che pensata, e provare a leggere insieme i dialoghi .

Nel frattempo, a turni , le scuole potranno assistere  ad una mise en espace gratuita  di mezzora di  un testo inglese (Dubailand o PyongYang)  fatta da attori professionisti inglesi (con intermezzi in italiano per aiutare con la lingua)  facendo domande anche all’autrice e agli attori presenti in sala. Sono due testi molto interessanti, contemporanei e provenienti dal Finvorough Theatre con cui il Festival è in partnership. In-Sook Chappell (autrice di Dubailand) ha vinto il piu’ importante premio di drammaturgia inglese e Carmen Nasr (autrice di Dubailand) ha vinto il Channel 4 Playwriting Scheme 2016. Questo  incontro aiuterà le scuole  a  capire l’importanza della nuova scrittura per leggere il presente  e  come si svolge  a livello pratico una lettura -mise en espace .

imagesOre 16.30 – 17.00: ci si sposta negli spazi segreti di Paolo Sarpi –  China Town (tutto a distanza di 5-10 minuti a piedi, le scuole che vengono da fuori saranno accomapagnate) , dove si terranno le presentazioni dei testi  (gli  insegnanti sapranno in anticipo la location con indirizzo). L’idea di fare delle mise en espace negli spazi del quartiere piu’ vivi  è dovuta al fatto che desideriamo  che il Festival sia un momento di incontro, non solo tra ragazzi che studiano teatro ma anche  con gli abitanti del territorio. Una mezz’ora piacevole in cui scambiarsi vicendevolmente qualcosa: un nuovo testo che parla del presente,  ospitalità e convivialità.

Ore 17.00-17.30: Iniziano le mise en espace nella location segreta:  2, max  3 scuole a location presenteranno  il testo del drammaturgo coetaneo secondo il seguente timing:

  • 5 minuti di introduzione di chi ospita.
  • 1 minuto o 2 in cui la scuola parla della propria realtà scolastica
  • 10-15 minuti massimo per la  presentazione del testo (lettura delle scene scritte a leggio -da noi fornito – ed una eventuale  improvvisazione  di gruppo.
  • 5-10 minuti chiacchierata tra i ragazzi, il drammaturgo ed il pubblico presente  sul lavoro presentato

La scuola che ha poi terminato la mise en espace torna tra il pubblico e  la seconda scuola presenta il testo  per un totale di un’altra mezz’ora massimo. E cosi’ via. Tutte le scuole si guarderanno a vicenda, per rispetto del lavoro altrui e per scambiarsi idee.   Purtroppo visti gli spazi molto “intimi” al momento non possiamo  garantire ai genitori la certezza  di poter presenziare alla performance.  Nei  giorni che precedono il  Festival sapremo comunicare alle scuole se ci sono dei posti rimasti liberi per ciascuno spazio .

Ore 18.30-19.00 le mise  en espace finiscono, ci si ritrova per un momento di saluto tutti insieme al Bar della Fabbrica (chi viene da lontanoe deve partire puo’ farlo!)


In breve la mappa delle location piu’ importanti:

10.00 Ritrovo alle  ore 10 in Piazza  Castello lato  fontana, sotto l’entrata del Castello Sforzesco (puntuali grazie!):  https://goo.gl/maps/YUZNVWAppgT2

Fabbrica del Vapore, dove si svolgeranno la videoconferenza, il pranzo,  le prove delle mise en espace e la presentazione dei testi inglesi  Dubailand o PyongYang: https://goo.gl/maps/YBdZ6S9eDq12

Vai alle domande frequenti